Museo Nazionale Arte Occidentale

Museo Nazionale d’Arte Occidentale – Ueno

Nel Parco di Ueno, si trova il Museo Nazionale d’Arte Occidentale, dove si possono ammirare capolavori di Picasso, Mirò, Van Gogh e molti altri artisti.

Informazioni utili

Sito Web

Orari di apertura 9:30-17:30 / Venerdì e sabati: 9:30 – 20:00

Posizione su Google Maps

Museo Nazionale d’Arte Occidentale

All’interno del complesso museale situato all’interno del Parco di Ueno si trova il Museo Nazionale d’Arte Occidentale, una delle gallerie d’arte più famose di Tokyo. Il Museo Nazionale d’Arte Occidentale è una delle attrazioni che assolutamente non puoi perdere durante il tuo viaggio in Giappone: è l’unico museo dedicato all’arte occidentale in tutto il paese, e al suo interno puoi ammirare tesori inestimabili, tra cui dipinti, sculture e documenti storici che tracciano la storia dell’arte dal Rinascimento fino ai primi del XX secolo. Ma questo edificio non è semplicemente un museo: qui si tengono corsi e seminari sull’arte occidentale, si svolgono studi e ricerche, e si effettuano la conservazione e il restauro delle opere. Oltre a ospitare tesori inestimabili, questo luogo ricco di cultura racconta anche una storia: la storia di un uomo, un industriale appassionato d’arte al quale dobbiamo la nascita di questo museo.

La storia

L’idea di creare un museo dedicato all’arte occidentale si sviluppò intorno alla collezione privata dell’industriale Matsukata Kojiro. Grande amante dell’arte occidentale, Matsukata viaggiò in Europa raccogliendo molte opere straniere nel periodo tra il 1920 e il 1923. Con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Matsukata non fu in grado di riportare i suoi tesori d’arte in Giappone, quindi rimasero all’estero, divisi tra Inghilterra e Francia. Terminata la guerra, il Giappone richiese la restituzione della collezione privata di Matsukata affinché potesse iniziare la costruzione del museo. La Francia accettò di restituire le opere dell’industriale a condizione che il progetto del museo fosse affidato a un architetto francese: il compito fu così affidato a Le Corbusier, che in seguito fu accreditato per aver costruito un edificio così bello da competere con le opere d’arte al suo interno. I lavori di costruzione, durante i quali Le Corbusier si avvalse dell’aiuto di tre architetti giapponesi apprendisti, durarono due anni, e l’edificio fu completato nel 1959.

Negli anni, il museo ha aumentato la sua collezione permanente di opere d’arte tramite acquisti e donazioni, e anche l’edificio stesso è stato ulteriormente ampliato con l’aggiunta di una sala lettura, una biglietteria e strutture più moderne.

Nel museo

Istituito nel tentativo di far conoscere e apprezzare ai giapponesi l’opera degli artisti occidentali, questo museo è ora una destinazione imperdibile per gli amanti dell’arte di tutto il mondo, che all’interno di questo edificio possono ammirare più di 4.500 capolavori realizzati da illustri pittori e scultori tra il XIV e il XX secolo.

Fuori dal museo, vicino all’ingresso, troverete una statua dedicata al “

pensatore” (questo è il nome della scultura) di questo progetto, ovvero Matsukata Kojiro.

L’edificio ha una pianta rettangolare, e l’area centrale è dedicata alle varie gallerie espositive; una volta entrati nel museo, l’itinerario espositivo si snoda attraverso i secoli e le varie correnti artistiche che li hanno caratterizzati.

L’ingresso per i visitatori si trova di fronte alla sala dedicata al XIX secolo. La particolarità di questa galleria è il soffitto che inizialmente è basso e poi si alza man mano che si procede; all’interno di questa stanza dominano i dipinti di pittori francesi e ci si può soffermare ad ammirare le opere di artisti come Delacroix, Courbet, Manet, Renoir, Monet, Van Gogh, Gauguin, Moreau a cui sono state aggiunte in seguito opere più recenti come quelle di Marquet, Picasso, Soutin, Ernst, Miró, Dubuffet e Pollock.

Un’altra sezione molto importante e ricca è quella dedicata alle opere che vanno dal Rinascimento al XVIII secolo. Passeggiando per questa galleria rimarrete affascinati dall’abilità di artisti del calibro di Veronese, Brueghel e Fragonard; i colori vivaci e la bellezza dei disegni, la maggior parte dei quali tratta temi religiosi, catturano il cuore e gli occhi dei visitatori. Proseguendo la vostra visita potrete anche ammirare numerose sculture, tra cui le più famose di Rodin, e una collezione di stampe realizzate da illustri artisti come Goya, Rembrandt e Klinger.

Ogni anno il museo organizza anche mostre speciali che si aggiungono alle esposizioni permanenti. Durante queste esposizioni il museo espone pezzi unici, splendidi capolavori d’arte che spesso sono poco conosciuti, appartengono a privati o musei (giapponesi o stranieri) e vengono prestati per l’occasione.


Pubblicato

in

, ,

da

Tag: